Film RECENSIONI

Ex Machina: l’umanità del dramma

vlcsnap-2015-08-05-01h21m12s187
OsservatoreInquieto

Ex Machina, debutto alla regia di Alex Garland, si presenta fin da subito come un’ opera estremamente elegante e finemente elaborata nella sua forma, al cui interno il topos cinematografico e letterario dell’intelligenza artificiale si inserisce dapprima sotto una luce scientifica ed analitica, per poi farsi forte di una profonda attenzione psicologica e tingersi di una tinta thriller claustrofobica e genuinamente inquietante.

vlcsnap-2015-08-05-01h15m35s169
Il punto cardine della ricerca del film si trova nel senso di “creazione”, prerogativa divina peraltro evidenziata chiaramente sin dal titolo (nel teatro classico si definiva “deus ex machina” il meccanismo narrativo che prevedeva l’intervento di un dio sulla scena per risolvere i risvolti apparentemente inestricabili della trama), che passa nelle mani dell’uomo, creatore alle prese con il perfezionamento dell’essere a sua immagine che viene studiato approfonditamente attraverso fasi che scandiscono la struttura in 7 parti del film.

Anche da creatore, però, l’uomo non può fuggire ai suoi difetti, come un dio imperfetto è destinato a non comprendere a fondo la sua riproduzione e rischia di esservi sovrastato. Sembra a questo proposito che il film legittimi la coscienza scientifica, ma che dimostri l’inadeguatezza del suo utilizzo da parte di un essere tanto indefinito.

vlcsnap-2015-08-05-01h24m22s32
Probabilmente mai prima d’ora in ambito cinematografico avevamo assistito ad un’analisi dell’ intelligenza artificiale così essenziale, che si libera, però, di un certo tipo di complicazione di tipo morale o sociale per apparire come analisi intima dell’uomo, che in questo caso per creare se stesso decide di costruire il limite della sua volontà. Come in un quadro di Pollock, Ava (l’IA al centro dell’opera) è definita nella sua idea, ma non nella realizzazione, ovvero, l’emotività robotica non è diretta, ma parte da schemi naturali scientificamente definiti all’interno di cui agisce l’impulso insondabile della coscienza umana (la componente aleatoria dei dipinti di Pollock), capace di ragionare su se stessa e costruirsi come complessità emotiva alla ricerca della libertà. Ava è cosciente di ciò che è, ma al costo di confermare la sua limitatezza cerca di vivere, osservare, sentire.

vlcsnap-2015-08-05-01h19m03s187

Nella sua complessità l’uomo si dimostra, però, essenzialmente ingannatore, dell’altro come di se stesso, ed è da questo che si snoda la parte essenzialmente narrativa del film, dove il dubbio si insinua nel protagonista per dare adito ad una serie di svelamenti sempre efficaci che sottendono ad una struttura precisa e armoniosa. Il tutto unito ad una colonna sonora delicatissima, oscillante tra riferimenti ambient e noise, uno sguardo registico elegante e un’estetica scenografica realisticamente futuristica, rende il film un’opera prima notevole ed evocativa nella sua semplicità.

——————————————————————

Questo articolo ti è piaciuto? Condividi, lascia un like o un commento!
A te non costa niente, per noi è un feedback importante!
Seguici anche sulla nostra pagina facebook QUA!

Comments

comments

About the author

OsservatoreInquieto

OsservatoreInquieto

Sono nato abbastanza controvoglia in un epoca in cui era troppo tardi per avere poi qualcosa da rimpiangere e in cui era troppo presto per sprofondare bellamente nelle delizie della mediocrità, sono poi cresciuto attraversando fasi per cui mi hanno insegnato inutilmente che dovrei avere un qualche tipo di nostalgia, ma ora sono qui. Ora che probabilmente tutto e già stato detto e fatto, ora ho voglia di provare a mettermi in gioco. Sono essenzialmente cinico, incoerente e pusillanime fino alla nausea, ma sono convinto che la musica sia tutto, e che il cinema qualcosa di più, e se è qualcosa che si può spiegare vorrei provarci assieme a chi ha voglia di ascoltarmi... per il resto niente, il bello di internet è che sembri meno misero di come sei davvero.

Leave a Comment