Film RECENSIONI

Il sale della terra: un dialogo con noi stessi

le-sel-de-la-terre-2014-wim-wenders-juliano-ribeiro-salgado-002
OsservatoreInquieto

Con il documentario “Il sale della terra” il regista Wim Wenders si propone di raccontare l’arte del fotografo Sebastiăo Salgado, affiancato alla regia dal figlio di questo, Juliano. Il film, com’è chiaro da subito, va però oltre, diventando un incontro/scontro creativo tra regista e fotografo, arrivando alle basi delle tecniche figurative per liberarne lo spirito creativo essenziale.

salgado_kuwait1991

Sotto l’ottica di un’umanità profondamente crudele, ma allo stesso tempo meravigliosa e insondabile, l’artista è colui che accettandola e amandola riesce a descriverne la complessità e pare evidente che Sebastiăo Salgado rappresenti un esempio perfetto di questa definizione, sia a livello artistico con i suoi viaggi attraverso terre quasi fantastiche, sia a livello personale, grazie al progetto “Genesi”, concepito assieme alla moglie per ridare vita ad un habitat ormai inaridito nel loro amato Brasile.

salgado-1024x670
“Il sale della terra” è un film meraviglioso, che non racconta semplicemente la vita del fotografo né si limita a descrivere la profondità della sua opera, ma tramite il dialogo tra i valori essenziali della fotografia e del cinema arriva all’essenza dell’arte stessa “nell’era della sua riproducibilità tecnica”. Salgado, infatti, non si fa semplicemente raccontare dal regista, ma intervenendo direttamente nel suo cinema lascia creare un nuovo piano di lettura del film, quasi a sottolineare che un certo tipo di creazione artistica viva essenzialmente di una componente aleatoria, come la fotografia del resto, per riuscire a eludere l’uomo e la sua banalità intrinseca. Al contrario, però, Salgado sembra non voler raccontare la finitezza dell’uomo, quanto piuttosto la sua grandezza, intesa sia come varietà che come potenza creatrice e distruttice.

il-sale-della-terrra-foto-c-donata-wenders

Dopo la visione di questo film non si può che rimanere profondamente affascinati di fronte ad una rappresentazione tanto sincera e libera dell’opera di un essere capace di odiare tanto ciò che lo circonda quanto di sentirne lo spirito essenziale, e, come il progetto “Genesi”, è inevitabile sentirsi nascere dentro qualcosa di nuovo.

Che questa sia speranza nessuno può dirlo, ma è di sicuro l’occasione per sentirsi un po’ più liberi nella consapevolezza dei nostri limiti.

———————–

Questo articolo ti è piaciuto? Condividi, lascia un like o un commento!
A te non costa niente, per noi è un feedback importante!
Seguici anche sulla nostra pagina facebook QUA!

Comments

comments

About the author

OsservatoreInquieto

OsservatoreInquieto

Sono nato abbastanza controvoglia in un epoca in cui era troppo tardi per avere poi qualcosa da rimpiangere e in cui era troppo presto per sprofondare bellamente nelle delizie della mediocrità, sono poi cresciuto attraversando fasi per cui mi hanno insegnato inutilmente che dovrei avere un qualche tipo di nostalgia, ma ora sono qui. Ora che probabilmente tutto e già stato detto e fatto, ora ho voglia di provare a mettermi in gioco. Sono essenzialmente cinico, incoerente e pusillanime fino alla nausea, ma sono convinto che la musica sia tutto, e che il cinema qualcosa di più, e se è qualcosa che si può spiegare vorrei provarci assieme a chi ha voglia di ascoltarmi... per il resto niente, il bello di internet è che sembri meno misero di come sei davvero.

Leave a Comment