ESPERIMENTI LETTERARI FUMETTI Poesie

In Coscienza, Riflessi #2: Dolore/Crescita

roba2
OsservatoreInquieto

La vita è ricerca.
Spesso inconcludente, in ogni caso inconclusa.
La ricerca è imprescindibile, ma è scelta. Negarsi la volontà di ricercare è un cappio alla gola della coscienza umana, ma è comunque un’azione conscia, perché ad un certo punto della vita forse a tutti pare piuttosto chiaro come la ricerca diventi piuttosto scoperta, e la scoperta diventi a sua volta coscienza del tragico, del disumano.
La risposta non può essere che la fuga, il silenzio.
Bergman in “Persona” era riuscito a rappresentare questo silenzio (tema comunque ormai presente nella cultura occidentale) e a portarlo sul piano della comunicazione: una protagonista sceglie di negarsi l’uso della parola di fronte agli orrori dell’uomo, l’altra ne è la rappresentazione e tramite il suo linguaggio veicola la profonda inutilità insita nella comunicazione di base, sostituita dall’immagine cinematografica.
La parola non esiste più, il suo contenuto è devastato dall’assurdo, la sua forma è irriconoscibile, la ricerca di cui si parlava diventa un salto nel nulla, o meglio, un salto consapevole dentro la consapevolezza del nulla.

Godard in Adieu au langage si fa portatore di un’immagine devastata, la fuga dalla narrazione è solo il primo passo per eludere le limitazioni umane, il regista tenta di devastare anche ciò che stava fuori da questo lavorando sul piano formale. L’occhio viene così spinto all’emancipazione dell’osservazione in quanto non è più possibile basarsi sulla comunicazione razionale, e qui sta la ricerca, una ricerca profondamente dolorosa, ma intimamente lucida.

Continuiamo ad aggirarci in questo labirinto di discorsi inutili, continuiamo a convincerci che qualcosa sia veramente importante, ma in fondo impariamo davvero da tutto ciò che non viene detto.

 

scan63

 

——————————————————————

La fotografia utilizzata come copertina è stata realizzata da Alessandro Gentili

——————————————————————

Questo articolo ti è piaciuto? Condividi, lascia un like o un commento!
A te non costa niente, per noi è un feedback importante!
Seguici anche sulla nostra pagina facebook QUA!

Comments

comments

About the author

OsservatoreInquieto

OsservatoreInquieto

Sono nato abbastanza controvoglia in un epoca in cui era troppo tardi per avere poi qualcosa da rimpiangere e in cui era troppo presto per sprofondare bellamente nelle delizie della mediocrità, sono poi cresciuto attraversando fasi per cui mi hanno insegnato inutilmente che dovrei avere un qualche tipo di nostalgia, ma ora sono qui. Ora che probabilmente tutto e già stato detto e fatto, ora ho voglia di provare a mettermi in gioco. Sono essenzialmente cinico, incoerente e pusillanime fino alla nausea, ma sono convinto che la musica sia tutto, e che il cinema qualcosa di più, e se è qualcosa che si può spiegare vorrei provarci assieme a chi ha voglia di ascoltarmi... per il resto niente, il bello di internet è che sembri meno misero di come sei davvero.

Leave a Comment